Una sosta gourmet ai piedi delle Dolomiti – parte prima

Le autostrade sono comode, certo. Se pensiamo al nostro viaggio verso il Cadore e Cortina d’Ampezzo o ancora in direzione Comelico il prolungamento dell’A27 fino a Longarone ci agevola non poco. Però non sappiamo quello che ci stiamo perdendo: per esempio in corrispondenza dell’uscita Lago di Santa Croce appena dopo Vittorio Veneto siamo praticamente ai piedi della seconda foresta d’Italia per estensione. Si tratta del Cansiglio, una meravigliosa area boschiva ricca di storia e misteri che merita ampiamente una deviazione. Per arrivarci, percorrendo belle strade panoramiche, si passa dall’Alpago, dove troviamo la nostra meta gourmet di oggi: la locanda San Lorenzo a Puos.
Il ristorante, di un’eleganza sobria che mette a proprio agio, è gestito da una trentina d’anni dalla famiglia Dal Farra. Passione, talento ed entusiasmo ne hanno fatto uno dei grandi ristoranti del Veneto, dove la sosta diventa piacere puro e l’accoglienza ha il sapore genuino della gente di montagna.
Si comincia gustando un pane sempre fragrante

20120617-215341.jpg

Per poi iniziare con una particolarissimo incontro tra scampi e nervetti, accompagnati dai fagioli gialèt e da un gelato alla senape

20120617-215858.jpg

Tra i primi ci sono piaciuti molto i gustosi ravioli di maialino arrostito nel forno a legna con salsa ai peperoni

20120617-220040.jpg

Ma non siamo riusciti a resistere e abbiamo assaggiato le squisite tagliatelle farcite al formaggio blu delle Dolomiti con porro e sedano

20120617-220408.jpg

Grande sapore anche per il secondo, ancora un riuscito abbinamento tra mare e terra con la pancetta di maiale cotta a bassa temperatura, gamberi rossi, zenzero e verdure scottate

20120617-220618.jpg

Non poteva mancare un dolce, così ci siamo fatti tentare da un originale quanto riuscito macaron con gelato al basilico, servito su una zuppetta di yogurt all’olio extravergine d’oliva e pomodoro. Sorprendente e bello da vedere!

20120617-221041.jpg

Due menu di 6 portate vengono proposti a 65 (territorio) e 68 (degustazione); scegliendo alla carta dall’antipasto al dolce la spesa è analoga. Si può bere molto bene al bicchiere o trovare ottime bottiglie nell’eccellente carta dei vini. A pranzo nei giorni feriali sono disponibili menu di tre portate a 25 euro con calice di vino e acqua inclusi, serviti in modo più informale nell’adiacente saletta bar.
www.locandasanlorenzo.it
www.tragol.it/Cansei/cansei.htm

2 pensieri su “Una sosta gourmet ai piedi delle Dolomiti – parte prima

  1. Cinzia Boggian

    Descrizioni perfettamente dettagliate.
    Itinerari golosi che invitano alla visita dei luoghi sin qui descritti. Complimenti per i testi e le foto .
    Grazie per i suggerimenti golosi.

    Replica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>